dito su un motore di ricerca con "Certificazione persone e competenze" contrassegnato

Certificazione delle persone e delle competenze - UNI CEI EN ISO / IEC 17024

La certificazione delle figure professionali (o delle competenze) è uno strumento di fondamentale importanza per tutti quei processi in cui le persone, attraverso il loro operato, svolgono un ruolo critico ai fini del raggiungimento dei risultati di un’azienda. Infatti la competenza, dal punto di vista delle norme di riferimento, è intesa come abilità di mettere a frutto le conoscenze e le capacità per svolgere un determinato ruolo. 
La certificazione di Apave Italia CPM, organismo di certificazione accreditato Accredia, è garanzia di competenza, in quanto spinge la persona a possedere, mantenere e migliorare, con continuità nel tempo, la necessaria competenza.

Saldatori - UNI EN ISO 9606

Operatori di Saldatura - UNI EN ISO 14732

 

Nello scenario lavorativo attuale, la saldatura sta diventando sempre più una professione specialistica. É in aumento la richiesta di saldatori che siano in possesso di un apposito “patentino”, rilasciato da uno degli enti certificatori autorizzati, secondo la normative UNI EN ISO 9606, in grado di arricchire il loro curriculum aprendogli la strada a nuove opportunità professionali. Il saldatore certificato sarà in grado di interpretare la documentazione tecnica e le procedure, preparare i pezzi da saldare e gli strumenti necessari, conoscendo le regole e i rischi derivanti dalla sua attività.

Le operazioni di saldatura possono essere effettuate sia manualmente che con l’ausilio di macchine utensili/robot di saldatura: in questo caso il saldatore prende nome di “operatore di saldatura” e deve essere in grado di utilizzare le attrezzature e impostare i parametri per l’esecuzione della saldatura.

Questo tipo di certificazione delle competenze garantisce una corretta gestione aziendale del personale e dei processi costruttivi nell'ambito dei processi speciali e aggiunge un valore tecnico al prodotto finito.

 

Scarica il codice etico per le figure professionali certificate da Apave Italia CPM

Scarica il regolamento di Apave italia CPM per la certificazione dei saldatori e degli operatori di saldatura

Personale Addetto Prove Non Distruttive (PND)

UNI EN ISO 9712

 

Le prove non distruttive (PND) sono un insieme di controlli volti a indagare sull’eventuale presenza di difetti in un pezzo senza doverlo distruggere tutto o in parte, rendendolo non più utilizzabile. La certificazione prevede 3 livelli di competenza definiti in base alle attività ed ai compiti:

  • Livello 1: può eseguire indagini e registrare imperfezioni
  • Livello 2: può eseguire indagini, registrare imperfezioni e refertare i risultati emersi
  • Livello 3: può eseguire indagini, registrare imperfezioni, refertare i risultati emessi e redigere e validare procedure di controllo

 

Attraverso un iter di formazione che termina con un esame, è possibile ottenere una certificazione per i seguenti metodi di controllo:

  • Termografia a infrarossi (TT)
  • Rivelazione di fughe (LT)
  • Particelle magnetiche (MT)
  • Liquidi penetranti (PT)
  • Radiografia (RT)
  • Estensimetro (ST)
  • Ultrasuoni (UT)
  • Visivo (VT)

 

Scarica il Codice Etico per i professionisti certificati da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento Apave italia CPM per la certificazione del personale addetto alle prove non distruttive

F-GAS
 

Tecnico Apave che fa un'ispezione

Le modalità di attuazione del Regolamento (UE) 517/2014 e i relativi regolamenti di esecuzione sono disciplinati dal DPR 146/2018 che definisce l’obbligo di certificazione a tutte le imprese che intendono svolgere attività di installazione, riparazione, manutenzione, assistenza o smantellamento di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d'aria, pompe di calore fisse e apparecchiature di protezione antincendio contenenti gas fluorurati a effetto serra.

Apave Certification Italia è stato tra i primi organismi ad essere accreditato da Accredia e riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente come competente per svolgere questa attività di certificazione secondo il Regolamento UE 2015/2067 e Regolamento CE 304/2008 ed è leader in Italia nella certificazione delle imprese FGAS con oltre 13500 certificati rilasciati.

 

Con l'applicazione dei regolamenti (UE) 2015/2067, (CE) 304/2008, (UE) 2015/2066 e (CE) 306/2008 per continuare a lavorare nel rispetto della legalità occorre:

  • Qualificare le aziende ed il personale che intervengono sulle applicazioni/impianti che utilizzano gas fluorurati ad effetto serra
  • Dimostrare la propria qualifica per acquistare gas fluorurati

 

Scarica il Codice Etico per i professionisti certificati da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento per la certificazione delle persone impegnate nelle attività di cui ai regolamenti (UE) n. 2015/2067, (CE) 304/2008, (UE) 2015/2066

Operatori su Impianti a Gas post Contatore

UNI 11554

 

Destinatari della certificazione in accordo alla norma UNI 11554 e della prassi UNI/PdR 11:2014 sono coloro che operano sugli impianti a gas combustibili della 1a, 2a e 3a famiglia secondo la UNI EN 437, di tipo civile alimentati da reti di distribuzione, ossia che:

  • Progettano, installano, rimuovono, ispezionano, sottopongono a collaudo, prova o verifica, mettono in servizio e mantengono in stato di sicuro funzionamento gli impianti alimentati a gas
  • Scelgono, installano, rimuovono, sottopongono a prova o verifica, mettono in servizio e manutengono gli apparecchi a gas e loro componenti

 

Sono tre differenti profili specialistici:

  • Responsabile tecnico (Profilo A) - persona addetta alla pianificazione dei lavori, al coordinamento delle attività di installazione e/o manutenzione, delle operazioni di collaudo e verifica degli impianti gas
  • Installatore (Profilo B) - tecnico in possesso dei requisiti previsti dalla legislazione vigente, che effettua o che è incaricato di effettuare operazioni di installazione, ampliamento o modifica
  • Manutentore (Profilo C) - tecnico in possesso dei requisiti previsti dalla legislazione vigente, che effettua o che è incaricato di effettuare operazioni di controllo e manutenzione

 

Per ognuno dei profili specialistici, in funzione della portata termica degli apparecchi asserviti e della pressione di alimentazione, sono inoltre definiti due livelli:

  • 1° livello - impianti al servizio di edifici adibiti ad uso civile per l'utilizzazione dei gas asserviti ad apparecchi aventi portata termica nominale singola maggiore di 35 kW e alimentati a pressione non maggiore di 0,5 bar
  • 2° livello - impianti domestici e similari per l'utilizzazione dei gas combustibili asserviti ad apparecchi aventi portata termica nominale singola non maggiore di 35 kW

 

Scarica il Codice Etico per le figure professionali certificate da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento di Apave Italia CPM per la certificazione delle figure professionali che operano su impianti civili a gas alimentati da reti di distribuzione

 

 

Refrigerazione a Pompe di Calore

UNI EN 13313

 

Il frigorista è il professionista che si occupa della costruzione e installazione di impianti di refrigerazione industriale e commerciale e del condizionamento civile ed industriale, eseguendone la progettazione, l’assemblaggio dei componenti e la messa in opera/installazione. Il frigorista esegue, inoltre, la riparazione e la manutenzione degli impianti stessi. Nello specifico si delineano due profili:

  • Frigorista: il frigorista dimensiona, costruisce, installa e svolge la manutenzione di impianti di refrigerazione
  • Tecnico del Freddo: il tecnico del freddo installa e svolge la manutenzione di impianti di refrigerazione e pompe di calore
 

Scarica il Codice Etico per le figure professionali certificate da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento Apave Italia CPM per la certificazione delle persone impegnate nelle attività di cui alla norma UNI EN 13313:2011

Esperto in Gestione Energia (EGE)

UNI 11339

 

Gli esperti in Gestione dell’Energia (EGE) sono soggetti che hanno le conoscenze, l’esperienza e la capacità necessarie per gestire l’uso dell’energia in modo efficiente. Con l’emanazione del D.Lgs 102 del 4 luglio 2014 sull’efficienza energetica, la certificazione della figura dell’Esperto in Gestione dell’Energia (EGE) ha assunto una importanza rilevante. All’art. 8 del decreto si precisa che dal 19 luglio 2016 lo svolgimento delle diagnosi energetiche, che le grandi aziende sono obbligate a svolgere entro il 5 dicembre 2015 e successivamente ogni 4 anni, dovranno essere effettuate da soggetti (EGE, ESCO, Auditor energetici) certificati. Nell’ambito delle esperienze acquisite per accedere all’esame di certificazione si dovrà dimostrare di aver svolto, almeno sette delle attività previste dal punto 4 della Norma UNI CEI 11339:09 e tra queste, obbligatoriamente le seguenti:

  • Analisi approfondita e continuativa del sistema energetico (dei processi, degli impianti e delle tecnologie impiegati dall’organizzazione)
  • Gestione di una contabilità energetica analitica, valutazione dei risparmi ottenuti dai progetti di risparmio energetico e relative misure
  • Diagnosi energetiche comprensive dell’individuazione di interventi migliorativi anche in relazione all’impiego delle fonti energetiche rinnovabili
  • Analisi tecnico-economica e di fattibilità degli interventi e valutazione dei rischi

 

Lo schema di certificazione prevede per questa figura due profili professionali:

  • CIVILE: che ha competenze finalizzate a soddisfare l’esigenza di comfort individuale nei settori civile, terziario e della pubblica amministrazione (edilizia pubblica e privata, insediamenti urbanistici, infrastrutture, trasporti civili)
  • INDUSTRIALE: che ha competenze finalizzate a soddisfare le esigenze di processo nei settori industriali e produttivi (sistemi produttivi, produzione)
 

Scarica il Codice Etico per i professionisti certificati da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento Apave Italia CPM per la certificazione degli esperti in gestione dell'energia (EGE)

Esperto in Ricostruzione ed Analisi degli Incidenti Stradali

UNI 11294

 

Il ricostruttore di incidenti stradali è un esperto che, in base alle proprie conoscenze teoriche, di carattere multi-disciplinare, ed alle proprie esperienze pratiche nel settore, provvede ad acquisire tutti i dati necessari e ad analizzare e ricostruire la meccanica e le cause degli incidenti stradali, sia con riferimento ai veicoli, alla circolazione e alla strada, sia con rifermento ai comportamenti dei coinvolti. L’attività del tecnico riveste quindi un ruolo molto delicato e spesso decisivo, in quanto dalla ricostruzione effettuata dipendono spesso gli esiti dei pro­cedimenti giudiziari, con conseguenze immediate a livello penale, civile ed economico. Oltre a gestire i rapporti col cliente e a saper condurre autonomamente le operazioni peritali, le attività che il tecnico ricostruttore si può trovare ad esercitare sono:

  • Rapporti con il tribunale (avvocati e/o magistrati)
  • Analisi dei rapporti delle Autorità Giudiziarie
  • Analisi del sinistro
  • Analisi dei guasti meccanici
  • Analisi delle sollecitazioni sugli occupanti, delle lesioni e dei fattori umani

 

Scarica il Codice Etico per le figure professionali certificate da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento di Apave Italia CPM per la certificazione dei tecnici per la ricostruzione e l'analisi degli incidenti stradali

Figure professionali per l'Innovazione

UNI 11814

 

Negli ultimi anni tutte le Organizzazioni sono state interessate, a volte costrette, da una innovazione anche di tipo digitale, che ha reso possibile nuovi approcci metodologici nella gestione dei processi core business.
Le figure professionali chiave dei sistemi di gestione dell’Innovazione sono da tempo al centro dell’interesse, dello studio e delle attività di certificazione di Apave Italia CPM.
Infatti, dall’esigenza di diverse Parti Interessate e attingendo alle esperienze maturate nei Gruppi di Lavoro della Normazione tecnica volontaria nazionale, dal 2020 è attivo il primo schema di certificazione dedicato alle competenze dei profili professionali nel settore dell’Innovazione.
A maggio 2021 la pubblicazione della Norma UNI 11814:2021 ha sancito l’opportunità di avere un quadro di riferimento unico per le professioni dell’Innovazione e di conseguenza Apave Italia CPM propone lo schema aggiornato basato sul nuovo standard.

Il Regolamento di certificazione è disponibile al link sotto per tutti i:

  1. Manager dell’Innovazione
  2. Specialista dell’Innovazione
  3. Tecnico dell’Innovazione

 

Vi invitiamo a visionare i requisiti necessari per poter partecipare alla prossima sessione d’esame di certificazione, da remoto. 

 

Scarica il Codice Etico per le figure professionali certificate da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento Apave Italia CPM per la certificazione delle figure professionali che operano nel campo dell'innovazione 

Scarica Registro dei professionisti dell'innovazione - Apave Italia CPM 

Installatori di Sistemi Compositi di Isolamento Termico per Esterno (ETICS)

UNI 11716:2018

 

Questa certificazione è rivolta alle persone che eseguono la posa dei sistemi compositi di isolamento termico per esterno (ETICS). La certificazione è rilasciata secondo la norma 
UNI 11716:2018 “Attività professionali non regolamentate – Figure professionali– Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”, la quale prevede due livelli professionali: l’installatore base e l’installatore caposquadra di Sistemi di Isolamento Termico a Cappotto.

 

Esistono due differenti profili:



L’installatore base di Sistemi di Isolamento Termico a Cappotto è colui che ha il compito:

  • Verificare l’adeguatezza dei materiali e le attrezzature necessarie alla posa
  • Verificare le modalità applicative e lo stato del cantiere
  • Gestire e organizzare la propria postazione di lavoro
  • Preparare il supporto e i materiali necessari
  • Installare il sistema di isolamento termico a cappotto

 

L’installatore caposquadra di Sistemi di Isolamento Termico a Cappotto è colui che ha tutti i compiti dell’installatore base e di:

  • Analizzare il progetto in relazione all’installazione di sistemi di isolamento termico a cappotto
  • Definire le modalità applicative
  • Pianificare le lavorazioni in relazione alle condizioni climatiche e ambientali
  • Verificare la preparazione del supporto come da specifiche di progetto
  • Verificare il sistema di isolamento termico a cappotto
  • Predisporre e consegnare i documenti necessari alla chiusura dei lavori

 

Scarica il Codice deontologico per i tecnici che eseguono la posa di sistemi compositi di isolamento termico esterno (ETICS)

Scarica il regolamento CPM di Apave Italia per la certificazione delle figure professionali di installatore di base e capomastro di sistemi di isolamento termico a cappotto (ETICS)

Professionisti del

Building Information Modeling (BIM) - UNI 11337-7:2018

 

Anche il settore AEC, seppur in ritardo rispetto ad altri settori, sta rapidamente evolvendosi verso il digitale. La “rivoluzione”, così definita per lo stravolgimento delle “tradizioni” che sta operando, è cominciata con l’avvento della metodologia BIM. Progettazione, costruzione e gestione di edifici, strutture e infrastrutture, stanno cambiando radicalmente approccio, metodo e strumenti. Per l’effetto sia del digitale che avanza e condiziona tutti i settori, sia per l’affermarsi del nuovo approccio metodologico meglio conosciuto come Building Information Modeling. Le informazioni sono al centro del processo e le nuove tecnologie consentono di gestire quantità enormi di dati e relazioni in tempo reale, migliorando la qualità delle opere, riducendo i tempi e quindi i costi.


La Norma UNI 11337-7 motivo di orgoglio per tutti, annovera l’Italia fra i primi Paesi al mondo strutturati in questo ambito, definendo tutto il processo compresi i requisiti di conoscenza, abilità e competenza delle quattro figure professionali chiave del processo BIM:

 

  • Il gestore dei processi digitalizzati, BIM Manager, che ha la responsabilità del progetto sia all’interno della propria organizzazione che nei confronti di fornitori e committenti
  • Il gestore dell’ambiente di condivisione dei dati, CDE Manager
  • Il coordinatore dei flussi informativi, BIM Coordinator che ha il compito di coordinare e gestire le risorse del team, riporta al BIM Manager e lo supporta nella preparazione delle procedure
  • L’operatore avanzato della gestione e della modellazione informativa, BIM Specialist, che conosce il software, è in grado di sviluppare un progetto BIM e dunque riesce a trasformare le idee in BIM

 

Scarica il Codice deontologico per le figure professionali certificate da Apave Italia CPM

Scarica il Regolamento Apave Italia CPM per la certificazione delle figure professionali coinvolte nella gestione e nella modellazione informativa (BIM)

Posatore di Serramenti

UNI 11673-2:2019

 

Destinatari della certificazione in accordo alla norma UNI 11673-2:2019 “Posa in opera di serramenti – Parte 2 Requisiti di conoscenza, abilità e competenza del posatore di serramenti” che prevede tre livelli della figura professionale sono coloro che eseguono la posa di serramenti azionati manualmente o motorizzati.


Esistono tre differenti profili:

 

L’installatore Junior è colui che ha il compito:

  • Assistere alle operazioni di posa in opera in funzione delle disposizioni ed istruzioni ottenute
  • Provvedere allo sgombero e alla pulizia dai locali degli imballi e degli sfridi di lavorazione sulla base delle disposizioni e istruzioni ottenute
  • Approntare attrezzature di lavoro e macchinari necessari alle diverse fasi di attività sulla base delle disposizioni e istruzioni ricevute e del risultato atteso
  • Approntare il contesto su cui si effettuerà la posa in opera sulla base delle disposizioni e istruzioni ricevute
  • Cooperare alle operazioni di posa basilari e ricorrenti

 

L’installatore Senior è colui che ha tutti i compiti dell’installatore base e di:

  • Verificare le particolarità del contesto di posa alle specifiche del progetto di posa o delle istruzioni di posa
  • Verificare che serramenti, i componenti aggiuntivi e accessori, i materiali e prodotti complementari siano rispondenti alle specifiche del progetto di posa o delle istruzioni di posa e finalizzati all'impiego
  • Preparare il vano di posa oppure verificarlo se già predisposto da terzi
  • Eseguire le singole fasi di posa in opera
  • Verificare l’idoneità funzionale dei serramenti e di eventuali componenti aggiuntivi/accessori posati in opera
  • Provvedere allo sgombero e alla pulizia dai locali degli imballi e degli sfridi di lavorazione e al conferimento in discarica
  • Provvedere alla pulizia dei serramenti e degli eventuali componenti aggiuntivi/accessori al termine della posa, se prevista contrattualmente
  • Provvedere alla custodia, guardiania e conservazione dei serramenti e degli eventuali componenti aggiuntivi/accessori installati in opera fino alla consegna dei lavori, se previste contrattualmente
  • Consegnare all'utilizzatore finale la documentazione prescritta
  • Segnalare eventuali anomalie e difformità in ordine all'opera fin a e proporre procedure, metodiche e tecniche, comportamenti e soluzioni correttive
  • Se autorizzati, mettere in atto procedure, metodiche e tecniche, comportamenti e soluzioni correttive alle eventuali anomalie e difformità in ordine e all’opera finita

 

L’installatore Caposquadra è colui che ha tutti i compiti dell’installatore base e di:

  • Relazionarsi con Committente, Progettista e Direttore Lavori in merito alle soluzioni operative da attuare, in considerazione delle specifiche di progetto e del contesto cantieristico e delle verifiche finali delle opere (collaudi)
  • Coordinare squadre di posa in opera

 

Scarica il Codice Etico per i Tecnici installatori di serramenti

Scarica il Regolamento CPM di Apave Italia per la certificazione della figura professionale di serramentista/installatore

I nostri

Punti di forza

1

INTEGRITÀ E INDIPENDENZA

Nel nostro comportamento e nelle nostre azioni siamo onesti e leali, sia verso i nostri clienti e i nostri collaboratori, sia verso i nostri dipendenti, qualunque sia la loro origine o il loro paese di provenienza.
2

COMPETENZA E RESPONSABILITÀ

I servizi che offriamo sono perfettamente adattati ai contratti conclusi con i nostri clienti, basati sulla comprovata competenza del nostro personale, e nel rispetto della privacy. Ci impegniamo a garantire la nostra reputazione e la fiducia che viene riposta in noi, indispensabile soprattutto nell'esercizio della nostra professione di terzi.
3

SOCIALE E AMBIENTALE

Ci impegniamo, in tutte le nostre azioni, ad essere rispettosi della dignità umana, delle regole sociali e dell'ambiente.